Elenco blog personale

venerdì 5 giugno 2015

Ci prendono per navi e siamo isole


 
(foto made)

Ci prendono per navi e siamo isole.
Intricate, deserte, che tesori
possiamo offrire a quelli che non giungono?
La nostra costa è dura. Il nostro faro
di voce anzichè luce
non attira, spaventa
e nessun marinaio perduto nella notte
toccherà le spiagge nostre dove ancora
fanno male le orme di quel naufrago
che sapeva del nostro deserto.
La notte, ogni notte, ci promette e ci nega
la strada del ritorno, il tornaviaggio,
l’amore che ci salvi da noi stessi
e la parola che sia detta per sempre.
Ci sono in noi alberi senza nome
stanchi di far ombra e crescere da soli.
Coloro che non partono ma soffrono
di sete di scogliera, amano i porti,
salpano nel sonno, cercano un’altra sete
per appagare la prima, ci osservano,
ci vedono come navi, felici.
Siamo isole.

Juan Vicente Piqueras

4 commenti:

  1. C'era un mio amico che non sopportava stare sulle isole. Si sentiva in gabbia ed era costretto a girare girare come una mosca intorno alla luce. Ecco forse dovremmo guarire da questo fatto di "essere isole" ed avere quest'ansia di evasione come l'aveva il mio amico...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sulle isole si sta benissimo, sia che siano mediterranee o tropicali.....vuoi mettere senza traffico e con un grande senso di libertà!!!??? Per non girare come mosche intorno alla luce possiamo trovare sosta presso un'amaca o possiamo evadere da un'isola ad un'altra!!! perchè no??? Certo non restare su un'isola per 27 anni come Robinson Crusoe, ma all'occorrenza una spiaggetta deserta non è affatto male!!!

      Elimina
  2. Bei versi che non conoscevo.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per la visita.
      Salutoni anche a te!!

      Elimina